opere su carta // sono riflessioni e scritti musivi che abbinano gli elementi a me più vicini e cari: la carta, la parola, il sasso, la creazione musiva preziosa.

superfici musive discontinue // piani d’altezza diversi delle tessere creano più superfici sovrapposte, o piani d’altezza omogenei sono perforati da lacune di malta; sono giochi di vuoti e pieni che gettano ombre e aprono al tridimensionale.

installazioni/arte urbana // le sperimentazioni e le opere nate per essere libere: destinate a durare il tempo di una performance o poco più, a migrare in diversi luoghi senza essere di nessuno, o ancorate a luoghi pubblici, di tutti. il mosaico è capace di parlare contemporaneo.

silicone e pvc // la scoperta di materiali che possiedono i valori contrastanti dell’organico e dell’inorganico; di un elemento, quello dei tubi, che permette la realizzazione di tessere di altezze ragguardevoli e possiede la doppia valenza del vuoto-pieno.

naturalia // dove l’elemento naturale è dominante; con il suo senso e la sua forma guida la creazione dell’opera.

prime opere // contengono le prime sperimentazioni sul linguaggio musivo contemporaneo e delineano già la scelta di base del minimalismo di colori.